Entertainment

‘La cena perfetta’, Salvatore Esposito e Greta Scarano: come conquistarli. : Funweek


Greta Scarano e Salvatore Esposito sono i protagonisti de ‘La cena perfetta’ il nuovo film di Davide Minnella. La nostra intervista

Davide Minnella dirige Salvatore Esposito e Greta Scarano in ‘La cena perfetta’, un film che coniuga perfettamente suspence, azione, commedia e un pizzico di romanticismo.

Salvatore Esposito è Carmine, un camorrista dal cuore buono che si ritrova a gestire un ristorante per riciclare soldi sporchi. Dovrà però fare i conti con Consuelo (Greta Scarano), una scorbutica e talentuosa chef alla ricerca della perfezione.

LEGGI ANCHE:– Carbonara: ecco l’incredibile origine di un piatto tanto amato

Il cibo è tradizione e memoria e per Esposito “Un piatto di pasta e ragù o la pasta alle vongole mi ricorda le domeniche passate in famiglia”. Greta Scarano ama le cose semplici e se dovesse scegliere un ultimo piatto, non avrebbe dubbi: pasta al pomodoro!

Come racconta anche il film, il cibo può essere un elemento di unione e perché no, un’occasione per fare pace. Se imaginassimo un mondo in cui un piatto potesse risolvere i contenziosi e placare anche gli animi più irosi, i due attori non hanno dubbi: con la pizza e le polpette della nonna di Gretta, la pace arriverebbe in un batti baleno.

Vi lasciamo con la nostra intervista a Greta Scarano e Salvatore Esposito per ‘La cena perfetta’.

La cena perfetta, sinossi

Carmine (Salvatore Esposito), un camorrista dal cuore buono che gestisce un ristorante per riciclare soldi sporchi e che si scontra e ritrova a collaborare con Consuelo (Greta Scarano), una scorbutica e talentuosa chef alla ricerca della perfezione. Una spericolata scalata al successo: camorra, alta cucina e sentimenti finiranno per mischiarsi in una lotta senza quartiere contro critici severi e criminali pericolosi.  L’amore per il cibo e il sogno di conquistare una stella Michelin daranno ad entrambi una seconda possibilità e un’occasione di riscatto. 

Grazie alla collaborazione con la chef stellata Cristina Bowerman, terzo protagonista del film è la cucina con la sua arte fatta di sapori, storie vissute, sentimenti: la pasta alla patate della nonna è più potente di una qualunque arma da fuoco.

Crediti foto@Ufficio stampa Studio Punto e Virgola



Source link

Leave a Reply

Your email address will not be published.